Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

ARTISTI A FAVORE DEL DDL ZAN

Immagine dell'articolo

Sta spopolando sui social nelle ultime ore: personaggi famosi, da artisti ad influencer, mostrano la mano con su scritto “Ddl Zan” e l’hashtag #diamociunamano

Si chiama Ddl Zan perché il suo relatore è il deputato Alessandro Zan, esponente della comunità LGBT italiana. Il disegno di legge che porta il suo nome si chiama esattamente “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”, una definizione ampia che non si limita alla sola comunità Lgbtqi.

Nel Ddl Zan è specificato infatti che “per sesso si intende il sesso biolo­gico o anagrafico; per genere si intende qualunque ma­nifestazione esteriore di una persona che sia conforme o contrastante con le aspettative sociali connesse al sesso; per orientamento sessuale si intende l’attrazione sessuale o affettiva nei confronti di persone di sesso opposto, dello stesso sesso, o di entrambi i sessi; per identità di genere si intende l’i­dentificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corri­spondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione”.

Il decreto legge modifica gli articoli 604-bis e 604-ter del Codice penale in materia di violenza/discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere, cosa che non trova l’accordo dei partiti all’opposizione.

Lega e Fratelli d’Italia, sostenuti dai rami cattolici, non ritengono necessaria una legge ad hoc contro atti e manifestazioni violente e discriminatorie fondate sull’identità sessuale e di genere. Secondo questi partiti basterebbe la tutela offerta dalla legge Mancino che punisce i reati e i discorsi di odio fondati su nazionalità, etnia e credo religioso.

Da Cristina D'Avena ad Alessandra Amoroso, dai Tiromancino a Loredana Bertè sono tanti gli artisti che pubblicano una loro foto chiedendo l'approvazione del provvedimento.

 

19/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

11 MAG 2021

IL 22 MAGGIO LA MARATONA MUSICALE DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUSICISTI

IL PRESIDENTE NAZIONALE A.N.M.I. ANDREA MONTEMURRO LANCIA LA MARATONA MUSICALE DEL 22 MAGGIO

11 MAG 2021

DUECENTO ANNI DALLA MORTE DI NAPOLEONE

Napoleone Bonaparte e la sua “vera gloria”

11 MAG 2021

MONICA BELLUCCI RICEVERA’ IL DAVID SPECIALE 2021

L’iconica modella e attrice italiana, riceverà il premio durante l’evento dell’11 maggio, come riconoscimento per le sue capacità artistiche, riconosciute a livello internazionale.

11 MAG 2021

A ORVIETO ARRIVA "DA SEMPRE"

11 e 14 maggio città dedicata al cinema

11 MAG 2021

CASINA DI RAFFAELLO E BIOPARCO INSIEME

Il 13 e il 20 maggio due appuntamenti per famiglie e bambini

10 MAG 2021

BRONZI DI RIACE: DA MERCOLEDI’ RIAPRE IL MArRC

L’esposizione permanente, dove sono in mostra i due Bronzi di Riace, riaprirà mercoledì 12 maggio, per potervi accedere, sarà necessario prenotare on- line.