Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

QUADRIENNALE IN LUCE

Immagine dell'articolo

E' l'opera di Norma Jeane ad accendere la notte di Roma alla Quadriennale.
 
Una luce pulsante accompagna la città fino al mattino, illuminando il Palaexpo.

Le restrizioni imposte dal Covid impongono lo stop alla manifestazione ma questa espressione d'arte consente alla Quadriennale di tenere viva la sua parola con il pubblico.
 
L'instalazione di Jeane si chiama ''Corpo di Fabbrica" e sarà visibile a partire da oggi, dalle 18 alle 8 del mattino.

La sua particolarità? Seguirà nelle sue pulsazioni la reale frequenza ed intensità del respiro della sua creatrice.
 
Un'emozione unica, tradotta dalle parole di Cesare Pietroiusti, presidente dell' Azienda Speciale Palaexpo: "Ho avuto la sensazione di ricevere un dono - osserva -. Attraverso la metafora del rapporto tra quantità di ossigeno e intensità della luce''. 

20/11/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

15 GIU 2021

"LA NOSTRA STORIA" DI FERNANDO TRUBEA

Il film trae spunto dal libro di Héctor Abad Faciolince dedicato a Héctor Abad Gómez, figura nobile e alta della storia colombiana degli anni '70 e '80.

15 GIU 2021

“TEATRO LIRICO GIORGIO GABER” )

Se ne discuteva da anni e, finalmente, la Giunta milanese ha formalmente deciso che l’antico teatro, sarà intitolato a Giorgio Gaber.

15 GIU 2021

C'ERA UNA VOLTA KARLSSON

19 e 20 giugno su Zoom

15 GIU 2021

ABBIAMO TUTTI UN BLUES DA PIANGERE

Alla Casa del Cinema l’autobiografia del maestro del jazz

14 GIU 2021

TANTI AUGURI FRANCESCO GUCCINI

Considerato uno dei più importanti cantautori italiani, negli ultimi anni si è dedicato anche alla scrittura di libri gialli.

14 GIU 2021

“PICASSO, DE CHIRICO E DALI’. DIALOGO CON RAFFAELLO”

La mostra del Mart di Rovereto evidenzia, come l’arte di Raffaello, abbia influenzato i più grandi artisti contemporanei.