Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LA LIBRERIA DISEGNATA DAL TAGLIAFERRI PER L’ESPOSIZIONE NAZIONALE DI MILANO DEL 1881

Immagine dell'articolo

Il 1° novembre del 1881, 140 anni fa, terminava l’Esposizione nazionale di Milano. La straordinaria kermesse ospitò il numero impressionante di un milione e mezzo di visitatori nei sei mesi di apertura al pubblico.
 
Tra i molti padiglioni che componevano la grande area espositiva milanese (coincidente oggi con i giardini pubblici di Porta Venezia) figurava anche la Sala Bresciana, un ambiente voluto dalla Camera di Commercio di Brescia che diede incarico all’architetto Antonio Tagliaferri di progettare una sorta di “stand” in grado di mettere in vetrina i migliori prodotti dell’artigianato bresciano.

- In omaggio a Dante, la Sala Bresciana realizzata in stile fiorentino trecentesco
Secondo il più aggiornato gusto dell’Ottocento, Tagliaferri diede vita a un ambiente “nello stile fiorentino del XIV secolo”, interamente definito anche nei più minuti dettagli decorativi: le pareti erano ricoperte di cuoio dorato, un fregio mostrava gli stemmi di tutti i paesi della provincia bresciana. L’arredo era costituito da mobili neogotici in legno realizzati dall’intagliatore Frigerio.
Ma perché Tagliaferri scelse lo stile fiorentino per la Sala Bresciana?
Evidentemente l’architetto intese tributare un esplicito omaggio alla città natale di Dante Alighieri del quale, nel 1881, ricorreva l’anniversario dei 560 anni dalla morte.

- Una preziosa libreria, del tutto particolare
All’interno della Sala Bresciana figurava un mobile molto particolare, un elemento fondamentale per comprendere il riferimento simbolico al Sommo Poeta: si trattava di una libreria nel cui fastigio di coronamento compariva al centro una scultura raffigurante Dante affiancato da 6 formelle a bassorilievo dedicate a episodi dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso tratti dalla Divina Commedia.

Ebbene, nessuno sapeva quale sorte fosse capitata agli arredi della Sala Bresciana, dopo lo smantellamento dell’Esposizione nazionale. Tra le carte professionali di Antonio e Giovanni Tagliaferri, donate nel 2010 alla Fondazione Ugo Da Como di Lonato, esistono molte testimonianze in grado di documentare i progetti dell’Architetto bresciano per la Sala Bresciana, tra queste anche alcune fotografie d’epoca: una di queste mostra proprio l’aspetto della libreria dantesca.

Per una serie di combinazioni è stato possibile riconoscere la libreria dantesca di Antonio Tagliaferri in un arredo custodito dalla “Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini” che ha sede a Lograto. Il mobile, monumentale, imponente, è da tempo immemore in uno degli ambienti di un edificio neogotico che venne a costituire il patrimonio della “Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini” alla morte prematura del Senatore Zanardelliano (Deputato del Collegio elettorale di Chiari) conte Giangiacomo Morando Attendolo Bolognini (1855-1919), molto amico proprio del Senatore Ugo Da Como.

Di questo particolarissimo mobile si sono recentemente occupate tre studiose di Lograto: Annì Gardoni, Emilia Provezza, Giovanna Valtulini. Il riconoscimento è avvenuto invece da parte della Fondazione Ugo Da Como che da tempo sta ricostruendo il ruolo di Antonio Tagliaferri all’interno della realizzazione della Sala Bresciana per l’Esposizione milanese del 1881.

Da anni, infatti, la Fondazione Ugo Da Como ha avviato il riordino dell’Archivio Tagliaferri; studi e approfondimenti sono continuamente condotti dalla Professoressa Irene Giustina, docente di Storia dell’Architettura all’Università degli Studi di Brescia.

La libreria, realizzata in legno di noce, impreziosita da impiallacciature in essenze pregiate e ricchi intagli, è senz’altro da considerarsi il più importante arredo ligneo bresciano della seconda metà del XIX secolo, quando Antonio Tagliaferri subentra a Rodolfo Vantini nel ruolo di maggior referente della scena architettonica cittadina.

La Soprintendenza di Brescia, nella persona del Dottor Angelo Loda, sta procedendo a formalizzare un preciso vincolo che sancirà in via definitiva l’importanza dell’oggetto, meritevole quindi di una particolare tutela.

Molta soddisfazione è stata espressa dall’attuale Presidente della “Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini” Valeria Belli e dal past president Antonio Caporizzo.

- La Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini alla ricerca di fondi per il restauro
La Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini sta cercando ora di trovare i fondi per un necessario restauro, anche in vista del prossimo anno 2022 quando ricorreranno i 100 anni dalla istituzione della “Fondazione Conti Lydia e G.G. Morando Attendolo Bolognini”.
 
E’ più che probabile che alcuni sensibili cittadini e imprenditori di Lograto vorranno contribuire alla definizione di una virtuosa cordata finalizzata a reperire la cifra necessaria (si parla di circa 20.000 euro) per restaurare e rimettere in pregio un’opera d’arte in grado di arricchire il già vasto patrimonio artistico della bellissima cittadina bresciana.

08/11/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 NOV 2021

NEGRITA: TORNANO CON “MTV UNPLUGGED”

Per il 25° anniversario, la band esce con un album registrato durante il concerto di luglio, realizzato nell’Anfiteatro romano di Arezzo.

28 NOV 2021

RITROVAMENTO ARCHEOLOGICO IN UN CASUALE INTERVENTO

Ritrovato un sepolcro presumibilmente datate tra la fine del VI e la metà del VII secolo d.C.

27 NOV 2021

REGNO UNITO: SCOPERTO ANTICO MOSAICO CON SCENE DELL’ILIADE

Gli scavi partiti nel 2020 sono terminati nei giorni scorsi. Il mosaico rappresenta il primo ‘omerico’ rinvenuto in Britannia.

27 NOV 2021

ATTENTI A DIFFONDERE IMMAGINI PERSONALI SENZA LE DOVUTE AUTORIZZAZIONI

Ripresa per caso ottiene risarcimento per violazione della privacy

26 NOV 2021

EGITTO: IL LUXOR TORNA A SPLENDERE

Dopo il lungo restauro, per celebrare l’apertura al pubblico del Viale delle Sfingi, è stata organizzata una maestosa festa.

26 NOV 2021

THE VOICE SENIOR PER 8 VENERDÌ SU RAIUNO

Otto puntate in tutto per The Voice Senior nell’edizione del 2021