Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LA BELLEZZA DELL'ANNUNCIAZIONE

Immagine dell'articolo

A nove mesi dal Natale la Chiesa fa memoria dell'annuncio dato alla Vergine Maria dall'Angelo del Signore. Un episodio che segna l'inizio del mistero della redenzione e al quale l'arte si è ispirata continuamente in ogni epoca. Ma forse quella che è più famosa al mondo è quella di Leonardo Da Vinci.

Un leggero vento, scaturito dal planare dell’Arcangelo Gabriele di fronte alla Vergine, sembra investire l’osservatore e le pagine del libro che Maria sta leggendo proprio quando l’angelo le si presenta dinnanzi.
In quest’opera, realizzata nel 1472, l'autore ha volutamente  allontanarsi dall’iconografia tradizionale dell’Annunciazione,  per collocare il tema sacro, il dialogo tra Maria e l’Angelo, in un’ambientazione naturalistica, decisamente terrena.

Davanti a un palazzo rinascimentale, in un rigoglioso giardino recintato, l’Arcangelo Gabriele si inginocchia davanti alla Vergine rivolgendole il saluto. Mentre, seduta con grande dignità davanti a un leggìo sul quale è poggiato un libro,  gli risponde.

La natura occupa, in questa tavola, uno spazio rilevante, quasi a voler sottolineare come il miracolo dell'Incarnazione divina coinvolga, oltre che un'umana come Maria, l'intero creato. I fiori e le altre specie vegetali che si affastellano nel prato e nello sfondo sono descritti minuziosamente e sembrano studiati con una precisione lenticolare.

Oltre il muretto e i cipressi, simili a colonne, quasi a dividere matematicamente la scena, si intravedono sullo sfondo un fiume con anse e barche, e alte montagne punteggiate da torri. La luce è chiarissima, come mattutina, e ingentilisce i contorni delle figure, preannunciando lo "sfumato". L’Arcangelo offre a Maria un giglio, simbolo di purezza e castità. Maria ha la mano destra appoggiata sul libro come se volesse evitare che si chiudesse, mentre la sinistra è alzata in segno di accettazione del suo destino. L’ampio mantello azzurro che le copre le gambe e ricade anche sul seggio, conferendo alla scena un forte senso di plasticità ed esalta la forma nascosta delle gambe.

26/03/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

14 APR 2021

SALVATOR MUNDI: IL FALSO ATTRIBUITO A LEONARDO

In realtà gli esperti ritengono che il maestro italiano abbia compartecipato all’opera, modificando alcuni dettagli su un dipinto già esistente.

14 APR 2021

COSA RIMANE DEL GIRO D'ITALIA NEL LIBRO DI LORENZO GANDAGLIA

I giovani guardano ancora il giro d'Italia?

14 APR 2021

71 MUSIC HUB, I CORSI

Attività formativa in videoconferenza per filmmaker e tecnici del suono

14 APR 2021

LA TERRAMARA SI SCOPRE ONLINE

Da giovedì 15 aprile visite guidate virtuali gratuite

13 APR 2021

50 ANNI DI LUCI A SAN SIRO

Un capolavoro di ricordi e suggestioni che è "Luci a San Siro".

13 APR 2021

LE FATE IGNORANTI

Il regista Ferzan Özpetek, a distanza di vent’anni, ha realizzato una serie Tv del suo romantic drama, tutt’oggi ancora molto amato.