Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

CROLLI E MACERIE: MARRAKESH, PATRIMONIO DELL'UNESCO, FERITA DAL UN SISMA DEVASTANTE

Immagine dell'articolo

Il terremoto di notevole entità che ha scosso il Marocco, ha portando con sé distruzione e disperazione, lasciando in ginocchio una delle città più iconiche del paese: Marrakesh, patrimonio dell'Unesco. L'epicentro di questa catastrofe si è verificato nel villaggio di Tata N'Yaaqoub, situato nella provincia di Al-Haouz, a circa settanta chilometri dalla città stessa. Le conseguenze sono state devastanti, in particolare per la medina di Marrakesh.

La medina, con le sue mura antiche che circondano il cuore storico della città, è stata una delle zone più colpite della città di Marrakech. Le parti più fragili delle mura si sono sgretolate sotto la forza del terremoto, lasciando la città esposta agli elementi e alla potenziale infiltrazione. Uno dei momenti più dolorosi per la comunità è stato il crollo del minareto bianco di una piccola moschea, che aveva svolto un ruolo importante come punto di riferimento per i cittadini durante i lunghi mesi della pandemia. Ora giace spezzato in due, un simbolo della fragilità umana di fronte alla furia della natura.

La celebre piazza Jamaa el Fnaa, spesso affollata da turisti provenienti da tutto il mondo, è stata anch'essa colpita duramente. Davanti al Café de France, una delle istituzioni più conosciute della piazza, un altro minareto è crollato, ferendo due passanti. La piazza è un luogo di vitalità e cultura, e il danno subito rappresenta una perdita significativa per la città.

Il museo del Patrimonio immateriale della piazza, che ospita preziosi reperti e testimonianze della storia e della cultura locali, è stato anch'esso danneggiato da crepe profonde. Questa perdita materiale è un colpo alla conservazione della storia di Marrakesh e della sua ricca eredità culturale.

Questi crolli e danni giungono in un momento cruciale per Marrakesh, che si stava preparando ad accogliere l'assemblea generale della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, prevista dal 9 al 15 ottobre. La città stava mettendo a punto importanti progetti di rinnovamento urbano e sviluppo, e questo terremoto rappresenta una sfida inaspettata che richiederà un impegno ancora maggiore per il suo recupero.

Le autorità locali e nazionali stanno mobilitando risorse per affrontare l'emergenza e iniziare il processo di ricostruzione. Tuttavia, sarà necessario tempo e sforzi congiunti per ripristinare la bellezza e la storicità di Marrakesh, una città che ha incantato generazioni di viaggiatori con la sua cultura, la sua storia e il suo fascino unici.

In questi momenti difficili, il mondo guarda a Marrakesh con solidarietà, sperando che questa città straordinaria possa rialzarsi e brillare ancora una volta come gioiello del Marocco e del patrimonio dell'umanità. La resilienza della comunità e l'amore per la propria cultura saranno fondamentali nella ricostruzione di questa città iconica.

11/09/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

13 APR 2024

MOGOL A LONDRA: UN VIAGGIO TRA MEMORIE, MUSICA E SOLIDARIETÀ

L'epica storia della canzone italiana attraverso gli occhi e le parole di una leggenda vivente: Mogol

11 APR 2024

DATA BUGS - AI È UNO SPECCHIO

Riflessioni sulla rete neurale dell'Intelligenza Artificiale

11 APR 2024

NUOVI SCAVI A POMPEI RIVELANO UN SALONE DECORATO CON IMMAGINI DELLA GUERRA DI TROIA

Emerso dali scavi un luogo di incontro dell'élite pompeiana

10 APR 2024

IL LAVORO EROICO DELLA TASK FORCE "CASCHI BLU DELLA CULTURA"

Tesori Artistici Recuperati

10 APR 2024

ADDIO A PAOLA GASSMAN

La comunità artistica piange la perdita di una delle sue più luminose stelle

09 APR 2024

CLASSICHE FORME 2024: LECCE E IL SALENTO TRA LE NOTE DELLA MUSICA DA CAMERA

Il festival internazionale di musica da camera dal 14 al 21 luglio