Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LE OSSA CONTESE TRA FIRENZE E RAVENNA

Immagine dell'articolo

L'anno 2020, si è chiuso  con una richiesta inusuale da parte della Città  di Firenze, sicuramente con i  migliori propositi, al fine di  celebrare il settecentesimo anniversario  della morte del Sommo Poeta.  Ma  Ravenna ha espresso  il suo totale diniego allo spostamento delle ossa di Dante Alighieri nel capoluogo toscano, giusto per una “passeggiata” che sarebbe dovuta durare una settimana in occasione di un concerto. In Romagna Dante è ormai considerato un cittadino ravennate e le sue ossa non si possono ne  si devono toccare, neppure in una occasione così importante.

Lo stesso  Dante, peregrino in terra di  Ravenna, volle celebrarne l'affetto di una città che stava accogliendo un uomo che non le apparteneva e scrisse una delle più celebri terzine della sua Commedia che riguarda l’esilio:

 

Tu proverai sí come sa di sale

 

lo pane altrui, e come è duro calle

 

lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale.

12/01/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

16 GEN 2021

LA VERONA DI DANTE RACCONTATA 700 ANNI DALLA SCOMPARSA

“Dante a Verona 1321-2021“

16 GEN 2021

A VENEZIA UN NUOVO SPAZIO PER L'ARTE

Un'ex falegnameria per ospitare eventi di musica, danza, esposizioni

15 GEN 2021

GLOBAL REMARKABLE VENUE AWARDS

Il premio che riconosce e celebra le migliori attrazioni e musei nelle città più visitate del mondo

15 GEN 2021

LECCO TRA MARE E CIELO

Stasera un'osservazione "intima"

15 GEN 2021

SHOOTING IN SARAJEVO

Il 19 gennaio da Pesaro la presentazione del volume

14 GEN 2021

UNA PROVOCAZIONE ARTISTICA DEGLI ANNI '60

La "merda d'artista" di Piero Manzoni