Navigazione contenuti

Contenuti del sito

PRATO: IL MUSEO PALAZZO PRETORIO ACCOGLIE DUE NUOVE OPERE

Immagine dell'articolo

Il Consiglio Comunale della città di Prato ha approvato la donazione al Museo di Palazzo Pretorio, da parte del collezionista pratese Carlo Palli, di due nuove opere: ‘Venere Maria, Nudo color seppia’ di Michelangelo Pistoletto e ‘Victoire de Samothrace’ di Yves Klein.

Le due opere non erano nuove nella sede del Museo, in quanto erano già state esposte durante la mostra Syncronicity, nel 2015. L’opera di Michelangelo PistolettoVenere Maria, Nudo color seppia’ è “una serigrafia su acciaio inossidabile lucidato a specchio”, e rappresenta la moglie dello stesso artista.

Stefano Pezzato, responsabile del ‘Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci’, ritiene che: “i secoli passati avevano avuto la loro Venere, il Novecento aveva quella di Pistoletto”. “Victoire de Samothrace”, è una scultura del 1962 di Yves Klein. La scultura in gesso è ‘rivestita’ con il suo IKB, una particolare tonalità di blu oltremare, inventata proprio dall’artista francese. La statua di Klein è la riproduzione di un’opera d’arte esposta al Louvre di Parigi: la Nike di Samotracia.

Matteo Biffoni, sindaco di Prato, oltre a ringraziare il collezionista d’arte Carlo Palli per la sua generosità, aggiunge: “Questa importante donazione arricchisce ancora di più il patrimonio artistico di Palazzo Pretorio e di tutta la città di Prato”.

 

21/02/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

04 MAR 2021

COSA MI LASCI DI TE

Un film da guardare per alimentare la speranza

04 MAR 2021

ORFANI DI GEMMA MEROLA

Gemma Merola e il suo grande amore verso l’arte

04 MAR 2021

POMPEI: I FONDI DEL RECOVERY PER ARTE E CULTURA

Necessario investire sulla nostra storia

04 MAR 2021

BUON COMPLEANNO CASINA DI RAFFAELLO

La struttura raggiunge i 15 anni di "età"

04 MAR 2021

FESTIVAL DI SANREMO SECONDA SERATA

FESTIVAL DI SANREMO , OPACA LA SECONDA SERATA

03 MAR 2021

SAN REMO: ACHILLE LAURO CONTINUA A STUPIRE

L’ospite fisso dell’Ariston, come promesso, sorprende con la sua esibizione.