Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

MASSIMO TROISI: L’ADDIO AL PULCINELLA SENZA MASCHERA TRENT’ANNI FA

Immagine dell'articolo

Trent'anni fa, la notte del 4 giugno 1994, il cuore di Massimo Troisi cessò di battere nella casa della sorella Adriana all'Infernetto, vicino al lido di Ostia. Aveva appena 41 anni, ma aveva già lasciato un'impronta indelebile nella cultura napoletana, nel cinema e nel teatro italiano. La sua morte precoce segnò la fine di una carriera brillante e la perdita di un artista che aveva ancora molto da raccontare.

Troisi, conosciuto come il "Pulcinella senza maschera", riusciva a leggere il mondo con la lucidità delle favole. La sua vita e la sua arte ruotavano intorno al tema del "cuore", sia come oggetto fisico, segnato da una forte degenerazione della valvola mitrale a causa delle febbri reumatiche infantili, sia come simbolo della sua idea di vita e creazione artistica. Questo romanticismo istintivo, filtrato attraverso una poetica personale e colta, lo distingue dai suoi contemporanei.

La sua influenza sulla cultura napoletana e italiana è ancora vivida, come dimostra il successo del film-ritratto di Mario Martone "Laggiù qualcuno mi ama". Questo omaggio a Troisi è stato applaudito in anteprima mondiale al Festival di Berlino e ha vinto il David di Donatello, confermando l'attualità e l'importanza del suo contributo artistico.

Troisi è stato un mimo istintivo, un narratore appassionato e un cultore di una lingua popolare che trascendeva il semplice dialetto partenopeo. Negli anni '70 e '80, con il gruppo "La Smorfia" insieme a Enzo Decaro e Lello Arena, rivoluzionò la scena cabarettistica in televisione. La sua carriera cinematografica, iniziata con "Ricomincio da tre" nel 1981, culminò con "Il postino" nel 1994, un film firmato ufficialmente da Michael Radford ma profondamente segnato dalla sua presenza. Altre collaborazioni memorabili includono "Non ci resta che piangere" del 1984, realizzato con Roberto Benigni.

Massimo Troisi ha saputo trasformare il suo vissuto personale in un linguaggio universale, capace di toccare il cuore del pubblico. La sua arte, più vicina alla malinconia segreta di Totò e al contrasto tra prepotenza fisica e timidezza di Buster Keaton, continua a risuonare oggi come allora. Trent’anni dopo la sua scomparsa, ricordiamo un artista che ha saputo mettere a nudo il cuore della sua Napoli, lasciandoci un'eredità culturale inestimabile.

04/06/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

14 LUG 2024

TORNA L'ESTATE CON I SUOI TORMENTONI

Torna l'Estate con i Suoi Tormentoni: Ecco i Brani che Ci Faranno Ballare

14 LUG 2024

IL MARCHIO DEI WAUNIR: UN VIAGGIO EPICO RACCONTATO DA INES CURZIO

IL MARCHIO DEI WAUNIR: UN VIAGGIO EPICO RACCONTATO DA INES CURZIO

11 LUG 2024

SCAVI DI POPULONIA: IL CALAMAIO DI LEDELTIUS SVELA UN PEZZO DI STORIA

Testimonianze uniche della vita romana

10 LUG 2024

GIUSEPPE TORNATORE NELLA GIURIA DELLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

Un'Edizione Ricca di Talenti Internazionali

10 LUG 2024

ROMA OMAGGIA BOTERO

Otto Sculture Monumentali nelle Piazze del Centro

08 LUG 2024

ADDIO A PINO D'ANGIÒ

Icona musicale dagli anni '80 ad oggi